lunedì 25 gennaio 2016

Quale islam?





Marco Rizzi
Il saggio di Massimo Campanini
Dieci, cento, mille islam
Vademecum per non smarrirsi

 Corriere della Sera, 25 gennaio 2016
 
Gli attentati a Parigi di novembre e il dibattito che ne è seguito, registrato anche sul «Corriere», hanno messo in luce il deficit di conoscenza dell’islam che in Italia si riscontra nell’opinione pubblica. Ne consegue un atteggiamento che va dalla paura irriflessa a un malinteso senso di comprensione, secondo cui nulla avrebbe a che fare il «vero» islam con il terrorismo. In realtà, occorre anzitutto prendere coscienza dell’estrema differenziazione che percorre l’islam al suo interno, anche quello più caratterizzato in senso politico. Essa va ben oltre la sola contrapposizione tra sciiti e sunniti su cui le sanguinose cronache dal Medio Oriente hanno puntato i riflettori. Pure all’interno delle sue grandi famiglie, l’islam si presenta sfaccettato e legato a interpretazioni anche molto differenti del testo sacro. Offre una prima mappa per orientarsi nell’universo dell’islam politico l’agile volumetto di Massimo Campanini Quale islam? Jihadismo, radicalismo, riformismo (La Scuola, pagine 128, e 9,50), che ne percorre la fenomenologia religiosa in termini sia storici, sia culturali e sociologici. Da quest’ultimo punto di vista, vengono esaminati alcuni fattori di trasformazione significativi, tra cui l’emergere di una questione femminile e l’impatto dei fenomeni migratori sulla stessa identità islamica. Particolarmente utile risulta il glossario conclusivo.