giovedì 28 agosto 2014

Lucrezio, inno a Venere



De rerum natura

I, 1-20

traduzione di Luca Canali


Madre degli Eneadi, voluttà degli uomini e degli dei,
Aèneadùm genetrìx, | hominùm divòmque volùptas,
alma Venere, che sotto gli astri vaganti del cielo
àlma Venùs, | caelì subtèr | labèntia sìgna
popoli il mare solcato da navi e la terra feconda
quaè mare nàvigerùm, | quae tèrras frugiferèntis
di frutti, poiché per tuo mezzo ogni specie vivente si forma,
còncelebràs, | per tè quoniàm | genus òmne animàntum
e una volta sbocciata può vedere la luce del sole:
còncipitùr | visìtque exòrtum | lùmina sòlis:
te, o dea, te fuggono i venti, te e il tuo primo apparire
tè, dea, tè fugiùnt | ventì, te nùbila càeli
le nubi del cielo, per te la terra industriosa
àdventùmque tuùm, | tibi suàvis daèdala tèllus
suscita i fiori soavi, per te ridono le distese del mare,
sùmmittìt florès, | tibi rìdent aèquora pònti
e il cielo placato risplende di luce diffusa.
plàcatùmque nitèt | diffùso lùmine caèlum.
Non appena si svela il volto primaverile dei giorni
Nàm simul àc speciès | patefàctast vèrna dièi
E libero prende vigore il soffio del fecondo Zeffiro
èt reseràta vigèt | genitàbilis àura favòni,
Per primi gli uccelli dell’aria annunziano te, nostra dea,
àëriaè primùm | volucrìs te, dìva, tuùmque
e il tuo arrivo, turbati i cuori dalla tua forza vitale.
sìgnificànt initùm | percùlsae còrda tuà vi.
Poi anche le fiere e gli armenti balzano per i prati in rigoglio,
Ìnde feraè pecudès | persùltant pàbula laèta
e guardano i rapidi fiumi: così prigioniero al tuo incanto
èt rapidòs | tranànt amnìs: | ita càpta lepòre
ognuno ti segue ansioso dovunque tu voglia condurlo.
tè sequitur cupidè | quo quàmque indùcere pèrgis.
E infine pei mari e sui monti e nei corsi impetuosi dei fiumi,
Dènique pèr maria àc montìs | fluviòsque rapàcis
nelle frondose dimore degli uccelli, nelle verdi pianure,
fròndiferàsque domòs | aviùm campòsque virèntis
a tutti infondendo in petto la dolcezza dell’amore,
òmnibus ìncutièns | blandùm per pèctora amòrem
fai sì che nel desiderio propaghino le generazioni secondo le stirpi.
èfficis ùt cupidè | generàtim saècla propàgent.


Venere genitrice, fine I inizi II sec. d. C., Paris, musée du Louvre


versi 2-20
traduzione di Enzio Cetrangolo
 
Venere madre che apri sotto i giri degli astri
il mare, che la terra fai piena di frutti, 
ogni corpo animato per te si eterna 
e il giorno fa luce sul viso dell'infante. 
Se appari, la tempesta fugge col vento 
la terra operosa induce i fiori al tuo passo, 
le onde marine ti sorridono, 
diventa più casta la quiete dei cieli 
e appena la bella stagione di primavera 
porta sui zefiri il verde alle piante, 
gli uccelli dall'aria schiarita di te 
cantano la tua dolce presenza, 
gli armenti scherzano al prato, vanno sui fiumi 
e presi dal tuo piacere 
ti seguono dove ti è grado condurli. 
E tu sui mari, sui monti, su gorghi delle acque, 
sui campi virenti, sulle fronde dei nidi 
metti nei cuori terrestri 
desiderio d'amore: tu fai che queste 
ordinate famiglie si riproducano.