martedì 9 luglio 2013

Tina Modotti e Frida Kahlo, una foto

 1928
[A quel tempo] Tina trasforma il suo modo di fotografare, in pochi anni percorre un'esperienza artistica folgorante: dopo le prime attenzioni per la natura (rose, calli, canne di bambù, cactus, ...) sposta l'obiettivo verso forme più dinamiche, quindi utilizza il mezzo fotografico come strumento di indagine e denuncia sociale, e le sue opere, comunque realizzate con equilibrio estetico, assumono di frequente valenza ideologica: esaltazione dei simboli del lavoro, del popolo e del suo riscatto (mani di operai, manifestazioni politiche e sindacali, falce e martello,...). Sue fotografie vengono pubblicate nelle riviste Forma, New Masses, Horizonte. In questo periodo conosce lo scrittore John Dos Passos e l'attrice Dolores Del Rio, ed entra in amicizia con la pittrice Frida Kahlo. 
http://www.comitatotinamodotti.it/
http://www.fridakahlo.it/ 

Vita di Tina Modotti
Fuoco, neve e ombre
di Patricia Albers
postfazione di Roberta Valtorta
postmedia 2003
320 pp.
-- 24 illustrazioni
isbn 9788874900060
 

La prima biografia esauriente dedicata alla leggendaria figura di Tina Modotti. Vita di Tina Modotti. Fuoco, neve e ombre è un bellissimo racconto, dalla lettura accattivante, ma è anche il risultato di una ricerca durata dieci anni grazie alla quale l'autrice Patricia Albers rivela numerosi aspetti inediti attraverso più di trecento documenti tra fotografie, lettere e scritti personali. Il titolo, "Fuoco, neve e ombre" deriva da una poesia di Pablo Neruda, uno dei tanti amici che la fotografa (nata a Udine nel 1896) ha frequentato negli anni trascorsi in Messico insieme a leggende quali Frida Kahlo, Diego Rivera, Edward Weston e Sergey Eisenstein.
Patricia Albers traccia il ritratto di una donna che sembra sfuggire ad ogni definizione (artista, attrice, amante, spia...) seguendo con attenzione e passione tutte le tappe della vita di Tina Modotti, dagli anni della povertà in Italia, al viaggio negli USA, dai tentativi di partecipare come attrice in una Hollywood alle prime luci, all'attività di fotografa di primo piano, dal suo ruolo di attivista politica al matrimonio con il poeta francese Roubaix de l'Abre Richey, dal viaggio in Messico con Edward Weston alla relazione con il rivoluzionario cubano Julio Antonio Mella.