lunedì 13 maggio 2013

New York Times, Come l'austerità uccide

David Stuckler  Sanjay Basu
New York Times, 12 maggio 2013

All'inizio del mese scorso, un triplice suicidio è stato segnalato nella città balneare di Civitanova Marche, Italia. Una coppia sposata, Anna Maria Sopranzi, 68 anni, e Romeo Dionisi, 62 anni, si era battuta per vivere con una pensione mensile di circa 500 euro (circa $ 650), ed era rimasta indietro per l'affitto.
Poiché il bilancio di austerità del governo italiano aveva alzato l'età pensionabile, il signor Dionisi, ex operaio edile, è diventato uno degli esodati d'Italia (gli espulsi) - i lavoratori anziani immersi nella povertà, senza una rete di sicurezza. Il 5 aprile, lui e sua moglie ha lasciato un biglietto sulla vettura di un vicino per chiedere perdono, poi si sono impiccati in un ripostiglio a casa. Quando il fratello della signora Sopranzi, Giuseppe Sopranzi, 73 anni, ha sentito la notizia, si è annegato nel mare Adriatico.
La correlazione tra disoccupazione e suicidio è stata osservata fin dal 19 ° secolo. Persone in cerca di lavoro hanno circa due volte più probabilità di finire la loro vita rispetto a coloro che un lavoro ce l’hanno.
Negli Stati Uniti, il tasso di suicidi, che era lentamente andato aumentando a partire dal 2000, ha compiuto un salto durante e dopo la recessione 2007-9. In un nuovo libro, si stima che 4.750 suicidi "in eccesso" - vale a dire, le morti sopra quello che le tendenze pre-esistenti potrebbero prevedere – si sono verificati nel 2007-2010. I tassi di questi suicidi erano significativamente maggiori negli stati che hanno registrato le maggiori perdite di posti di lavoro. I morti per suicidio superato quelli per incidenti stradali nel 2009.
Se i suicidi fossero una conseguenza inevitabile della recessione economica, questa sarebbe solo un'altra storia sul costo umano della Grande Recessione. Ma non è così. I paesi che hanno tagliato i bilanci di protezione sanitaria e sociale, come la Grecia, l'Italia e la Spagna, hanno visto i risultati di salute crudamente peggiori di nazioni come la Germania, l'Islanda e la Svezia, che hanno mantenuto le loro reti di sicurezza sociale e hanno optato per stimolo più austerità. (la Germania predica le virtù dell’austerità - per gli altri).
Come studiosi di salute pubblica e di economia politica, abbiamo guardato inorriditi come politici dibattano all'infinito di debiti e deficit, con poco riguardo per i costi umani delle loro decisioni. Negli ultimi dieci anni, abbiamo estratto insiemi di dati enormi da tutto il mondo per capire come shock economici - dalla Grande Depressione alla fine dell'Unione Sovietica alla crisi finanziaria asiatica alla Grande Recessione - influenzano la nostra salute. Quello che abbiamo scoperto è che la gente non si ammala inevitabilmente o muore perché l'economia ha vacillato. La politica fiscale, si scopre, può essere una questione di vita o di morte.
Ad un estremo è la Grecia, che è al centro di un disastro sanitario. Il budget sanitario nazionale è stato ridotto del 40 per cento dal 2008, in parte per raggiungere gli obiettivi di riduzione del deficit fissati dalla cosiddetta troika - il Fondo monetario internazionale, la Commissione europea e la Banca centrale europea - come parte di un pacchetto di austerità 2010. Circa 35.000 medici, infermieri e altri operatori sanitari hanno perso il lavoro. I ricoveri ospedalieri sono saliti alle stelle dopo che i greci hanno evitato di ricorrere a un trattamento di routine o di prevenzione a causa dei lunghi tempi di attesa e dell'aumento dei costi dei farmaci. La mortalità infantile è aumentata del 40 per cento. Le nuove infezioni da HIV sono più che raddoppiate, a seguito del crescente uso di droghe per via endovenosa – dal momento che il bilancio per i programmi di scambio di aghi è stato tagliato. Dopo che i programmi di spruzzo antizanzare sono stati tagliati nel sud della Grecia, i casi di malaria sono stati segnalati in numero significativo, per la prima volta dall’inizio degli anni 1970 .
Al contrario, l'Islanda evitato un disastro sanitario, anche se ha vissuto, nel 2008, la più grande crisi bancaria nella storia, in rapporto alle dimensioni della sua economia. Dopo il fallimento delle tre principali banche commerciali, il debito totale è salito, la disoccupazione è aumentata di nove volte, e il valore della moneta, la corona, è crollato. L'Islanda è diventato il primo paese europeo a chiedere al FMI un piano di salvataggio dal 1976. Ma invece di salvataggio delle banche e tagli di bilancio, come il FMI aveva chiesto, i politici islandesi hanno compiuto un passo radicale: hanno sottoposto l'austerità a un voto. In due referendum, nel 2010 e 2011, gli islandesi hanno votato in modo schiacciante per pagare i creditori stranieri a poco a poco, piuttosto che tutto in una volta attraverso l'austerità. L’ economia islandese ha ampiamente recuperato, mentre quella greca è sull’orlo del crollo. Nessuno ha perso la copertura sanitaria e l'accesso ai farmaci, anche se il prezzo dei farmaci importati è aumentato. Non vi è stato alcun aumento significativo nei suicidi. L'anno scorso, il primo Rapporto mondiale dell'Onu sulla Felicità ha classificato l’Islanda come una delle nazioni più felici del mondo.
Gli scettici potranno puntare a differenze strutturali tra la Grecia e l'Islanda. L’adesione della Grecia alla zona euro reso impossibile la svalutazione della moneta, e il margine politico per respingere i piani di austerità del FMI era più ristretto. Ma il contrasto gioca a favore della nostra tesi che la crisi economica non deve necessariamente comportare una crisi di salute pubblica.
Tra questi due estremi ci sono gli Stati Uniti. Inizialmente, il pacchetto di stimolo 2009 puntellava la rete di sicurezza. Ma ci sono segnali di pericolo - al di là del tasso di suicidi più alto – per cui le tendenze nel campo della salute registravano un deterioramento. Le prescrizioni di antidepressivi erano salite alle stelle. 750mila persone (in particolare giovani disoccupati) si sono dedicati alla pratica delle abbuffate alcoliche [binge drinking = assunzione di 5 o più bevande alcoliche in un intervallo di tempo più o meno breve]. Più di cinque milioni di americani hanno perso l'accesso alle cure sanitarie durante la recessione perché hanno perso il posto di lavoro (e delle due l’una: o non poteva permettersi di estendere l’assicurazione ai sensi della legge Cobra o aveva esaurito la propria ammissibilità). Le visite mediche preventive sono scese di numero perché le persone ritardavano le cure mediche e finivano al pronto soccorso. (L’Obama Care espande la copertura, ma solo gradualmente.)
Il “sequestro” di 85 miliardi di dollari che ha avuto inizio il 1 ° marzo taglierà i sussidi di nutrizione per circa 600.000 donne incinte, neonati e bambini per la fine dell'anno. I budget per alloggi pubblici saranno tagliati da quasi 2 miliardi di dollari quest'anno, mentre per di più 1,4 milioni di case sono in pignoramento. Anche il bilancio dei Centri per il Controllo delle Malattie e la Prevenzione, principale difesa della nazione contro le epidemie come un'epidemia di meningite fungina dello scorso anno, è stato tagliato, per almeno 18 milioni di dollari.
Per testare la nostra ipotesi che l'austerità è mortale, abbiamo analizzato i dati provenienti da altre regioni ed epoche. Dopo che l'Unione Sovietica si è dissolta, nel 1991, l'economia della Russia è crollata. La povertà è salita e l'aspettativa di vita è scesa, in particolare tra i giovani, gli uomini in età lavorativa. Ma questo non si è verificato in tutta l'ex sfera sovietica. La Russia, il Kazakistan e gli Stati baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) - che hanno adottato la "terapia shock" dei programmi economici sostenuti da economisti come Jeffrey D. Sachs e Lawrence H. Summers – hanno sperimentato i peggiori aumenti dei suicidi, infarti e morti correlate all’uso di alcol.
Paesi come la Bielorussia, la Polonia e la Slovenia hanno adottato un approccio gradualista diverso, auspicato da economisti come Joseph E. Stiglitz e dall'ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov. Questi paesi hanno privatizzato le loro economie a controllo statale a tappe e ha visto molto migliori risultati di salute rispetto ai paesi vicini che hanno optato per le privatizzazioni e licenziamenti di massa, causando gravi perturbazioni economiche e sociali.
Come la caduta dell'Unione Sovietica, la crisi finanziaria asiatica del 1997 offre casi di studio - in effetti, esperienze sul campo – che vale la pena esaminare. Thailandia e Indonesia, che hanno presentato i piani aggressivi di austerità imposti dal FMI, hanno conosciuto la fame di massa e un forte aumento dei morti per malattie infettive, mentre la Malesia, che ha resistito al consiglio del FMI, ha mantenuto la salute dei suoi cittadini. Nel 2012, il FMI si è formalmente scusato per la sua gestione della crisi, stimando che il danno dalle sue raccomandazioni potrebbe essere stato tre volte maggiore di quanto precedentemente supposto.
L’esperienza dell'America della Depressione è anche istruttiva. Durante la Depressione, i tassi di mortalità negli Stati Uniti sono diminuiti di circa il 10 per cento. Il tasso di suicidi in realtà è salito tra il 1929, quando il mercato azionario crollò, e il 1932, quando Franklin D. Roosevelt fu eletto presidente. Ma l'aumento dei suicidi è stato più che compensato dalla "transizione epidemiologica" - miglioramento delle condizioni igieniche che hanno ridotto le morti per malattie infettive come la tubercolosi, polmonite e influenza - e da un forte calo degli incidenti stradali mortali, dato che gli americani non potevano permettersi di guidare. Confrontando i dati storici dei vari Stati, si stima che per ogni 100 dollari di spesa pro capite connessa al New Deal c’è stato un calo nelle morti di polmonite di 18 per 100.000 persone, una riduzione della mortalità infantile di 18 per 1.000 nati vivi, e un calo dei suicidi di 4 per 100.000 persone.
La nostra ricerca suggerisce che investire un dollaro in programmi di salute pubblica può produrre fino a 3 dollari nella crescita economica. Gli investimenti in salute pubblica non solo permettono di risparmiare la vita in una fase di recessione, ma possono contribuire a stimolare la ripresa economica. Questi risultati suggeriscono che tre principi dovranno guidare le risposte alle crisi economiche.
Primo, non nuocere: se l'austerità sono fosse stata testata come un farmaco in uno studio clinico, sarebbe stata bloccata molto tempo fa, dati i suoi effetti collaterali mortali. Ogni nazione dovrebbe istituire un ufficio indipendente, apartitico di Responsabili per la Salute, composto da epidemiologi ed economisti, per valutare gli effetti sulla salute di politiche fiscali e monetarie.
In secondo luogo, trattare la disoccupazione come la pandemia che è. La disoccupazione è una delle principali cause di depressione, ansia, alcolismo e pensieri suicidi. I politici in Finlandia e Svezia hanno aiutato a prevenire la depressione e suicidi durante le recessioni, investendo in "politiche attive del mercato del lavoro" che hanno investito i nuovi disoccupati e li hanno aiutati a trovare lavoro in fretta, con benefici economici netti.
Infine, espandere gli investimenti nella sanità pubblica quando i tempi sono cattivi. Il luogo comune che un grammo di prevenzione vale una libbra di cura sembra essere vero. E 'molto più costoso controllare un'epidemia che prevenirla. La città di New York ha speso 1 miliardo di dollari verso la metà degli anni 1990 per controllare un focolaio di tubercolosi resistente ai farmaci. Il ceppo farmaco-resistente era stato provocato dal fallimento della città nel garantire che i malati di tubercolosi a basso reddito completassero il loro regime di farmaci generici poco costosi.
Non c'è bisogno di essere un ideologo dell’economia - noi certamente non lo siamo – per riconoscere che il prezzo dell’ austerità può essere calcolato in vite umane. Non stiamo tentando di riabilitare passate decisioni di politica antipovertà o la richiesta di cancellazione del debito universale. Tocca ai politici in America e in Europa capire quale possa essere il giusto mix di politica fiscale e monetaria. Quello che abbiamo scoperto è che l'austerità - gravi, immediati, indiscriminati tagli alla spesa sociale e sanitaria - non è solo autolesionista, ma fatale.

David Stuckler, a senior research leader in sociology at Oxford, and Sanjay Basu, an assistant professor of medicine and an epidemiologist in the Prevention Research Center at Stanford, are the authors of "The Body Economic: Why Austerity Kills".