mercoledì 9 ottobre 2013

Pasolini, Il soldato di Napoleone

Fabrice Del Dongo
Addio, addio Casarsa vado via per il mondo
Lascio il padre e la madre vado via con Napoleone
Addio vecchio paese, addio giovani amici
Napoleone chiama la meglio gioventù
Quando si alza il sole al primo chiaro del giorno
Vincenzo col suo cavallo di nascosto se ne è partito
Correva lungo il Tagliamento e quando suona mezzodì
Vincenzo si presenta a Napoleone

Come furono passati sette mesi sono in mezzo al ghiaccio
A conquistare la Russia perduti e abbandonati
Come furono passati sette giorni sono in mezzo al gelo
Della grande Polonia feriti e prigionieri
Spaventato il cavallo, fuggiva per la neve
E sopra aveva Vincenzo che ferito delirava
Gridava fermati cavallo, ferma, fermati ti prego
Che è ora che ti dia un mannello di fieno

Il cavallo si ferma e con l’occhio quieto e buono
Guarda il suo padrone che ormai muore di freddo
Vincenzo gli squarcia il ventre, la sua baionetta
E dentro vi ripara la vita che gli avanza
Susanna con suo padre passa di lì sul carro
E vede il giovincello nei visceri del cavallo
Salviamolo padre mio questo povero soldato
che muore nella Polonia caduto e abbandonato

Chi siete bel soldato venuto da lontano
Sono Colussi Vincenzo un giovane italiano
E voglio portarti via appena sarò guarito
Perché nel petto con gli occhi mi hai ferito
No, no che non vengo via perché mi sposo questa pasqua
No, no che non vengo via perché a pasqua sarò già morta
La domenica degli ulivi piangevano tutti e due
E l’uno e l’altra a piangere si vedevano di lontano

Il lunedì santo si vedono nell’orto
E si danno un bacio come due colombi
Il giovedì santo che nascono rose e fiori
Scappano dalla Polonia per saziare l’amore
La domenica di pasqua che tutto il mondo canta
Arrivano innamorati in terra di Francia
La domenica di pasqua che tutto il mondo canta
Arrivano innamorati in terra di Francia.


---------------------------------------------------------------------
Adio, adio, Ciasarsa, i vai via pal mond, 
mari e pari, iu lassi, vai cun Napoleon. 
Adio, veciu paìs, e cunpàins zovinùs, 
Napoleon al clama la miej zoventùt.»

Co al leva il soreli, al prin lusòur dal dì, 
Visèns cu’l so ciavàl di scundiòn l’è partìt. 
A ciavàl ch’al coreva, di lunc su il Tilimìnt 
pai magrèis di Codròip, pai boscùs di Ciamìn, 
e co a suna misdì, al soreli leòn, 
Visèns al si presenta a di Napoleon.  

Co son passàs siet mèis a son in miès la glas 
a conquistà li Rùssiis, pierdùs e bandunàs, 
co son passàs sièt dis a son in miès il zèil 
tali grandis Polòniis, firìs e prisonèirs.
Scaturlt il ciavàl par la nèif al s-ciampava 
e Visèns parsora che al savariava:
la nèif al la bagnava cu na ria di sanc, 
i vuj si iu platava cu la so rossa man.
«Fèrmiti, ciavàl, fèrmiti ti prej, 
ch’a è ora ch’i ti dedi una mana di fen.» 
Il ciavàl al si ferma e al vuarda ilso paròn, 
che ormai al mòur di frèit, cu’l vuli quièt e bon. 
«Sta fer, veciu, sta fer, che prin vuej bruschinàti 
schèn ch’i mòur di frèit, e i sedi disperàt.» 
Cu laso baionèta a ghi squarta la pensa 
e al met a tet li drenti la vita ch’a gli vansa. 
Susana cun so pari passa par li cu’l ciar 
e a jot il zuvinìn tai vìssars dal ciavàl. 
«Ali, pari, salvànlu chistu puòr soldàt 
ch’al mòur ta li Polòniis da duciu bandunàt.»
«Cui i seisu, soldàt, vignùt tant di lontàn?»
«I soi Visèns Colùs, un zovinùt taliàn: 
i vuèj puartati via ‘pena ch’i soj vuarìt, 
parsè che in tal sen i to vuj mi àn ferìt.» 
«No, no, ch’i no ven via, ch’i mi sposi sta Pasca, 
no, no, ch’i no ven via, sta Pasca i sarài muarta.» 
La Domènia uliva duciu doi a planzèvin, 
e un cun l’altri a planzi di lontàn si viodèvin. 
Di Lùnis sant si viòdin in te l’ort di scundiòn, 
e coma doi colomps a si dan un bussòn. 
Di Zòiba sant ch’a nàssin li rosis e i flòurs, 
s-ciàmpin da li Polòniis par passudà l’amòur. 
La Domènia di Pasca che dut il mond al cianta 
a rivin nemoràs ta la ciera di Fransa.